Flowers Blossom

Someday you’ll win by far
your evil side
that subtly makes you wild
when grows in thee
and leaves you lonely dear so lonely dear
you wait for a cure that won’t come
Before then you thought you are too dark
well decided to go
but your love is there
your only love is there
Where the truth and his fluidity
accept the cruelty
of your bleak and darkened soul
Still my lover days
go on with stupid prayers
“Please make me happier, please make me happy”
But your only fear is to feel lonely dear
so you’d better come home
Cause any flower blossom you know?
towards the light, I mean
so follow my light, my dear
My love against your sorrow will heal all of your scares
I swear.

Poetry experiment

Ecco un effetto collaterale del corso d’inglese. Al momento senza titolo.

Through a warm and breezy night
your face glowing in plain sight

Whisperin’ leaves under the trees
suggest a promise to my ears

Waxed moon gets brighter while
curly hair surround your smile

Hope the peace I never found
reaches our hearts, forever bound.

Aggiornando Firefox

Questa mattina, alzandomi all’alba delle 11.30, ho pensato che per mettere in moto i neuroni poteva essere il caso di aggiornare un po’ il pc. Da un po’ di tempo avevo XBMC che andava in crash facendo la scansione dei telefilm, il plugin Flash di Firefox faceva le bizze e varie menate.

Aggiornato i pacchetti mi ritrovo con Firefox che non parte più e mostra un errore quantomeno enigmatico:

Errore interpretazione XML: entità non definita
Indirizzo: chrome://browser/content/browser.xul
Linea numero 553, colonna 7:

Per fortuna Google Chrome funzionava (sempre avere un browser di scorta) e così trovo questa serie di messaggi su un forum Ubuntu:

http://forum.ubuntu-it.org/index.php?topic=508749.msg3970803

Primo pensiero: come si fa a definire “Risolto”??? Non hai capito dov’è il problema, c’è un grezzissimo workaround degno di un utonto (eliminare la cartella .mozilla significa doversi riprendere a mano tutti i segnalibri…). Senza parole.

Soluzione degna di questo nome:

  1. Riavviare Firefox in safe-mode (con tutte le estensioni e i plugin disattivati)
  2. Abilitare i plugin/estensioni un po’ per volta, per vedere se riavviando il problema ricompare

Alla fine viene fuori che il problema sta nell’ Italian Language Pack!
Lasciandolo disabilitato, è bastato collegarsi al sito di Mozilla Italia e scaricare l’ultima versione.

(p.s. i neuroni si sono accesi a dovere)

Nokia 5800 e Debian

Da un po’ di tempo cercavo di fare il backup del telefono, ma mamma Nokia non viene molto incontro agli utenti Linux.
L’applicazione principale cambia nome ogni tanto (Nokia Suite, poi Ovi Suite ora forse di nuovo Nokia Suite, e decidetevi perbacco) ma resta sempre e comunque solo per Windows (oddio forse anche per Mac ma ho letto tante imprecazioni in lingue diverse a questo proposito).

Dopo aver cercato dei sostituti di terze parti, ho deciso di tagliare la testa al toro.
Ecco la mia via per l’illuminazione.

Ingredienti:
– Debian (celo, versione wheezy)
– VirtualBox (non celo)
– un’immagine cd del WinXP (celo)
– telefono Nokia 5800 (celo)

Iniziamo ad installare VirtualBox: in Debian niente di più facile, si cerca il pacchetto con aptitude search virtualbox e lo si installa con aptitude install . Inutile dire che parte al primo colpo.

Creiamo una macchina virtuale, alzo solo la ram a 512 mb, per il resto lascio tutto ciò che mi viene proposto. Collego l’immagine iso di Windows al lettore virtuale di cdrom e avvio la macchina.

Parte l’installazione di Windows che va tutta liscia. Che buffo vedere il logo Microsoft sul mio monitor! Mi collego ad internet con l’Internet Explorer, funziona! Scarico la Nokia Suite dal sito nokia.com e la installo. Tutto liscio pure qui.

Ora colleghiamo il telefono! Attacco il cavo usb e… nulla.
Però da debian il comando dmesg mi dice che è stato visto. Uhm… qualche ricerca in rete e vengono fuori un po’ di possibili problemi.

Primo fra tutti mi imbatto nel mancato supporto dell’usb 2.0. Ci vuole un’estensione di VirtualBox da installare sulla macchina host. Ok, per fortuna ci sono tutti i link. Scarico, installo, ok.
Mentre son lì, vedo che ci sono anche le guest extensions. Non so se mi possono servire, ma installo pure quelle sulla macchina guest.
Poi leggo che l’utente deve appartenere al gruppo “vboxusers”, fatto.
Infine ci vuole il permesso di lettura/scrittura per /proc/bus/usb, metto l’opportuna riga in /etc/fstab e eseguo la mount.

Riavvio la macchina virtuale e ancora niente. Vogliamo darci per vinti? Manco per idea.
Leggendo bene c’è ancora una cosa. Bisogna configurare un filtro per i dispositivi usb che devono essere “passati” alla macchina guest. L’unica accortezza è definire un filtro generico per “usb vendor” e lasciare in bianco tutti gli altri dati. Eseguo.

Altro riavvio dell’XP e magicamente funziona!
Tramite Nokia Suite ho installato gli aggiornamenti delle mappe, trasferito contatti e messaggi, fatto un backup completo. Certo, è tutto un po’ più lento del normale, ma dato che funziona mi pare un grosso successo.

Link utili:
Updating Nokia Phones With VirtualBox